La parità di genere nella sua declinazione elbana | elbablog.com

La parità di genere nella sua declinazione elbana

La parità di genere nella sua declinazione elbana

Le recenti elezioni amministrative hanno riacceso i riflettori sulle rappresentanze femminili nelle varie giunte, già espresse o comunque presunte, alle cariche politiche. La questione va quindi affrontata in termini più moderni, anche tenendo conto dell’evoluzione stessa del macro contenitore socio-culturale «identità di genere». La triste realtà nazionale e locale, è che non esistono pari opportunità di partenza, ed è questo il principale ostacolo per arrivare all’auspicata ma ancora ben lontana parità di trattamento, in politica, nell’ambiente lavorativo, sociale e domestico. Mi auguro che le neoelette e prossime all’insediamento giunte elbane si adoperino concretamente per proporre delle serie ed efficaci politiche paritarie e inclusive, al fine di abbattere gli ostacoli sostanziali che a tutt’oggi concorrono nel rafforzare gli sterotipi sessisti, vere e proprie barriere alla piena godibilità dei diritti personali, nonché pericolosissimi, insidiosi e silenti carburanti per la discriminazione e i crimini di matrice sessuale, come l’omotransfobia e il femminicidio.

A fronte di un’emergenza sociale su scala globale e di cui l’isola non è indenne, confido nella pronta attivazione di interventi volti a diffondere, sostenere e tutelare i diritti delle persone tutte, per un’ effettiva parità di trattamento, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale e dalla propria identità di genere.

Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *