Liste d'attesa in sanità la CGIL minaccia la protesta | elbablog.com

Liste d’attesa in sanità la CGIL minaccia la protesta

Liste d’attesa in sanità la CGIL minaccia la protesta

L’Asl deve cercare di abbattere le liste d’attesa nella sanità impegnandosi ancor di più nel rafforzamento del sistema pubblico e non strizzando l’occhio al privato. Sembra che la direzione dell’Asl stia mettendo a disposizione di alcune strutture private convenzionate i propri professionisti per invogliare i cittadini ancora in lista d’attesa a rivolgersi a tali realtà. La decisione dell’azienda potrebbe oltretutto avere contraccolpi negativi importanti anche in relazione al mantenimento delle specialistiche negli ospedali periferici e in relazione alla costruzione del budget di spesa affidato ogni anno ai vari dipartimenti. Il comportamento dell’Asl è inammissibile anche perchè avvenuto in maniera unilaterale.

Senza contare che proprio in tema delle liste d’attesa esistono accordi che prevedono un confronto con le organizzazioni sindacali. Il passo dell’Asl – è bene precisarlo – è inoltre da considerarsi non in linea a quanto previsto dalla delibera regionale. Essa prevede infatti che nel privato non si possano eseguire interventi di natura complessa come ad esempio quelli riguardanti le protesi dell’anca. Chiediamo dunque all’Asl di inviare personale in queste strutture pubbliche per poter soddisfare la domanda dei cittadini.

Ci auguriamo dunque che l’Asl faccia un passo indietro e riveda le proprie scelte. In caso contrario annunciamo che a partire dalla prossima settimana siamo pronti a lanciare iniziative di protesta a tutela della sanità pubblica e dei cittadini.

Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *